Bank the Future Beachcup 2012: Götsch/Pixner di nuovo sul trono

da sinistra le finaliste dell’Open donne: Rodighiero, Fink, Della Camera, Speltoni

Nel fine settimana, nel quale sono finiti i giochi olimpici ha avuto luogo anche l’ultima tappa del Bank The Future Beachcup a Brunico. Una serie piena di emozioni che ha offerto ai numerosi spettatori un grande spettacolo. Sabato hanno vinto Luca Baratto con Michael Mair nell’Open maschile, mentre nel femminile hanno avuto successo Massimiliana Della Camera con Anna speltoni. Domenica sono stati incoronati i vincitori delle categorie U 14 e U 18. I vincitori della classifica finale sono Götsch/Pixner e Della Camera/Speltoni.

Le semifinali dell’Open maschile erano molto combattute ed emozionanti, quindi anche un motivo per tanti spettatori a seguire le partite. Dopo un inizio difficile, Baratto/Mair sono comunque riusciti a battere Nibbio/Boniotti, che nei quarti di finale hanno sconfitto il duo brunicense Kargruber/Seeber. Anche la seconda semifinale era molto combattuta: i re del Beachcup Pixner/Götsch sono stati battuti da Tasser/Handrick in una partita emozionante finita per 22:20. La finalina non è stata giocata per colpa di crampi di Pixner. L’anno scorso Michael Mair e Luca Baratto hanno trovato in finale Pixner/Götsch, che hanno avuto la meglio. Quest’anno però la finale è stata decisa in due set a favore die quest’ultimi contro Tasser/Handrick. Il primo set è finito 21:14, il secondo invece 21:18. Anche nella classifica generale i due trentini sono arrivati terzi. Sul secondo posto si sono piazzati Maurizio Vaccari con Lorenzo Mori e sul primo posto, come già nell’anno scorso, si trovano Filip Götsch e Markus Pixner che hanno partecipato a tutti e tre i tornei Open.

Anche il pubblico nell’Open femminile era molto numeroso e dopo le semifinali finite con risultati abbastanza chiari, la finale faceva sperare ad una partita combattuta tra Massimiliana Della Camera con Anna Speltoni che nella semifinale hanno battuto Merlante/Biondolillo per 21:9 e Gerti Fink con la sua nuova compagna Giulia Rodighiero che sono arrivate in finale vincendo contro Öttl/Gostner per 21:16. Anche se la coppia Fink/Rodighiero ha perso il primo set per 21:8, sono migliorate nel secondo, senza però riuscire ad impedire la vittoria anche nel secondo set di Della Camera/Speltoni. Quest’ultime hanno anche vinto la seconda tappa del Bank The Future Beachcup 2012 Open a Tirolo e si sono guadagnate il primo premio nella classifica Open totale. Il secondo posto nella classifica generale l’hanno riaggiunto Manuela Gostner con Manuela Öttl e terze sono arrivate Gerti Fink e Giulia Rodighiero.

Sabato sono stati premiati anche i vincitori completi della categoria amatoriale. Primo posto va ad Armin Zanluchhi e Ivan Vangelista, i quali hanno giocato tutte le tappe del Bank The Future Beachcup. Il secondo posto l’hanno raggiunto Stefan Knapp e Andres Walcher, campioni in carica, e terzi sono arrivati Markus Siebenförcher e Hannes Lang.

“Questa edizione del Bank The Future Beachcup ha ancora una volta incrementato il livello di gioco, data la partecipazione di giocatori a partire dalla Serie A fino alla prima division,” ci dicono gli organizzatori del cup Klasu Seeber, Markus Gröber, Markus Burgmann e Gerd Stolzlechner.

Sabato il tempo era favoloso ed è rimasto così anche domenica per i tornei giovanili. 50 accoppiamenti si sono iscritti per le categorie U 14 e U 18. Nell’ U 18 femminile hanno vinto la finale Biondolillo/Merlante contro Pizzini/Fidel. Terze si sono piazzate Pescoller/Frenes. Nell’ U 18 maschile si sono iscritte meno coppie che nel femminile. Vincitori qui Tezzele/Damini, davanti a Cisera/Rehbichler, mentre sul terzo posto si sono piazzati Schifferegger/Pezzei.

Nella categorie U 14 erano iscritti tanti accoppiamenti sia nel femminile che nel maschile. Quest’ultimo l’hanno vinto Pizzini/Zambelli contro Kallaba/Tasser, terzi sono arrivati Hanni/Wieser. Nelle giovanili U 14 femminili hanno vinto Mairhofer/Pixner nella finale contro Gallmetzer/Unterhauser. Terze sono arrivate Spolaore/Busetti.

“Una cosa che ci fa molto piacere è che, grazie ai Beachcamp che sono stati organizzati quest’anno, abbiamo avvicinato molti giovani al gioco del beach volley come non mai. Inoltre anche gli numerosi spettatori del beach volley ad Olympia hanno dimostrato che questo sport non è più solo marginale”, dice Markus Gröber, coordinatore dei camp.

Commenti

Commenti

Send this to friend